4 mosse total body per addominali scolpiti

24 Giugno 2016 di fitinhub

Diciamoci la verità, il primo pensiero quando si inizia un programma di allenamento è sicuramente quello di addominali scolpiti. Sbarazzarsi della pancetta e avere un ventre tonico e scolpito è sicuramente uno degli obiettivi più comuni. Il plus nell’esercitare questa specifica parte del corpo non è solamente estetico: infatti rinforzando la midsection si darà al corpo una base più forte e stabile e non solo bella da vedere. Oltre ai crunch e i vari esercizi per gli obliqui, ci sono dei movimenti che si focalizzano sulla parte centrale del corpo, coinvolgendo anche le altre parti del corpo.

Legging Lilybod – Fonte Instagram – modella @taylacannon – clicca per acquistare

Ecco le 4 mosse total body da fare per addominali scolpiti

Come ricordiamo sempre, la corretta esecuzione dell’esercizio è fondamentale per evitare qualsiasi tipo di problematica, quindi se è la prima volta che li effettuate fatevi seguire da un trainer di sala.

Sumo deadlift

  • In questo esercizio tenere contratti gli addominali è fondamentare per proteggere la schiena.
  • Tieni i piedi leggermente divaricati a larghezza spalle con le punte rivolte verso l’esterno.
  • Scendi in squat con la schiena dritta e impugna il barbell con i palmi rivolti verso l’interno e le braccia posizionati all’interno delle gambe.
  • Addome contratto e testa alta.
  • Con un movimento esplosivo stendi gambe e fianchi, portando su anche il barbell e ritorna nella posizione iniziale.
  • Se usi de pesi piuttosto pesanti usa un’impugnatura mista con una mano che rivolge il palmo verso l’esterno e l’altra che rivolge il palmo verso l’interno.

SQUAT con barbell sopra la testa

  • Quando i pesi sono sollevati sopra la testa, l’addome lavora per mantenere il corpo in equilibrio.
  • Con i piedi divaricati a larghezza spalle, mantieni un barbell sopra la testa con le braccia stese ed un’apertura pari alla larghezza delle spalle.
  • Abbassati in squat senza permettere al ginocchio di superare la punta del piede. (oppure prova un affondo indietro poggiando leggermente il ginocchio per terra e poi stendi entrambe le gambe, portando il piede della gamba che rimane indietro alla stessa altezza del piede della gamba con cui hai effettuato l’affondo.)
  • Inizia con un peso leggero per abituarti alla tipologia di allenamento.

Front Squat

  • Il front squat richiedere una capacità di saper gestire la posizione di raccolta frontale.
  • Il front squat con il barbell implica che il barbell sia pozionato sulle clavicole, appoggiato sulla punta delle dita, gomiti che puntano in avanti, e i tricipiti paralleli al suolo.
  • Potrà sembrare un movimento che ti da poca stabilita’, la clavicola e’ un ottimo supporto per la barra e le mani fungono semplicemente per garantire che la barra non scivoli via.
  • Finche’ i gomiti stanno su, nella posizione descritta sopra, la barra sara’ sicura da qualsiasi tipo di rotolamento.
  • Per la discesa in un front squat la schiena e’ significativamente piu’ dritta rispetto alle altre forme di squat altrimenti rischiate di cadere in avanti.
  • Il modo migliore per mantenere la posizione corretta e’ quella di mantenere i gomiti in su e che puntano in avanti per tutta la durata del movimento.

American swing con Kettlebell

Atleta: Adele Vicinanza
PT: Alfredo Vicinanza
  • Far oscillare un peso con un movimento verticale implica uno sforzo addominale di contrazione e stabilizzazione.
  • Con i piedi divaricati a larghezza spalle,  posizionati davanti al kettlebell
  • Piegati in uno squat e con le braccia distese impugna il kettlebell
  • Con un movimento esplosivo distendi le gambe, il bacino e contemporaneamente porta il peso sopra la testa
  • Riporta il peso verso il basso senza poggiarlo a terra e fallo oscillare tra le gambe e con un movimento esplosivo riportalo in alto sopra la testa
  • Tieni l’addome attivo. Non inarcare mai la schiena, tienila solida e piatta durante l’esecuzione dell’esercizio.

Prima di eseguire l’allenamento non dimenticare di eseguire il riscaldamento. Leggi anche Esercizi di riscaldamento: 4 benefici e 3 esercizi da fare

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita